Musica Militaria 1-11


Testi   Musica   Militaria     -    Inni   &   Patriottici



SUL RIFUGIO BIANCO DI NEVE Audio
non disponibile

Sul rifugio bianco di

neve

una luce pallida

appar:

è Marisa che va lieve

lieve:

veci alpini vi viene a

trovar.

 

È Marisa, che dopo

il tramonto

col suo canto vi

cullerà,

è la pallida fata dei

monti:

col suo manto vi

coprirà.

 

Se un alpino cade in

montagna,

la fanciulla pianger

vedrà.

Se una lacrima

gl’occhi le bagna,

sulla neve un fior

diverrà.

 

Rocciatori, nel nome di

Trento

salutate il babbo per

me

e salutate la bella

bandiera

degli eroi che vanno a

morir.

 

Lenta, lenta cade la

neve

sul rifugio a

biancheggiar:

sembra una stella

caduta dal cielo

e il rifugio diventa un

fior.

 


SULLA MONTAGNA Audio
non disponibile

Non senti l’invito dei monti,

il canto di mille usignol?

Con l’eco rispondon le fonti

e brillan le cime

baciate dal sol.

 

        Lassù sulla montagna

        con me ti porterò,

        sarai la mia compagna

        e sempre t’amerò.

        Tra i pini della vetta

        c’è un nido per l’amor,

        da tempo là ci aspetta

        quel mazzolin di fior.

        Vieni piccina,

        non farmi più soffrir,

        l’alba è vicina

        è l’ora di partir.

        Lassù sulla montagna

        con me ti porterò,

        sarai la mia compagna

        e sempre t’amerò!

 

Che importa se cade la neve

l’amor ci saprà riscaldar

sui monti, piccina, si deve

col sole e col gelo

felici cantar.

 

        Lassù sulla montagna

        con me ti porterò,

        sarai la mia compagna

        e sempre t’amerò.

        Tra i pini della vetta

        c’è un nido per l’amor,

        da tempo là ci aspetta

        quel mazzolin di fior.

        Vieni piccina,

        non farmi più soffrir,

        l’alba è vicina

        è l’ora di partir.

        Lassù sulla montagna

        con me ti porterò,

        sarai la mia compagna

        e sempre t’amerò!

 


SONO UN POVERO DISERTORE Audio
non disponibile

Sono un povero disertore,

valicai le mie montagne,

chè Ferdinando l'imperatore

el me ha perseguità.

 

Dalle guardie io ero seguito,

valli e monti io pur scavalcai;

ma una sera che mi addormentai,

mi svegliai incatenà!

 

Con catene alle mani ed ai piedi

in prigione mi han trasportato:

sono un povero vecchio soldato,

e perchè sono qui prigionier?

 

O mio padre, perchè tu sei morto?

e tu madre, perchè vivi ancora?

gemo in ceppi, ma non mi ristora

la condanna ch'è senza ragion.

 


OH BARCAROL DI TRENTO Audio
non disponibile

Oh barcarol di Trento,

impresteme la barcheta

che vado in gondoleta

su la riva del mar.

 

Mi sì che te la impresto,

basto che la ritorna,

la barca se l’affonda

non la ritorna più.

 

La barca è ritornata,

cinta di rose e fiori

con dentro i cacciatori

del 7° alpin.

 

Del 7° alpini

del Battaglion Cadore,

addio mie belle more

non ci vedremo più.

 

Sì, sì ci rivedremo,

sarà da richiamati

coi zaini affardellati,

ci rivedremo ancor.

 


SE IL DISTRETTO Audio
non disponibile

 Se il distretto mi dà il cappello

me poveretto, me poveretto

Se il distretto mi da il cappello

me poveretto che son soldà.

 

        Se il distretto mi dà il fucile

        l’è per partire, l’è per partire

        Se il distretto mi dà il fucile

        l’è per partire a militar.

 

O non piangere morosa mia

se vado via ritornerò

ritornerò sta primavera

con la bandiera dei trè color.

 


OHI DELLA VAL CAMONICA Audio
non disponibile

Ohi de la Val Camonica,

noi suonerem

l’armonica,

e balleremo un po’

e balleremo un po’.

 

E su e giù e per la val

Camonica

la si sente, e la si

sente,

e su e giù e per la val

Camonica

la si sente che cantar.

 

Ricordi Ninetta

quand’eri sul prà,

la luna, le stelle

parlavan d’amor.

 

Oh che bel fior, oh che

bel fior,

la luna, le stelle

parlavan d’amor.

 

Ricordi i baci che ci

siam dati

alla stagion dei fior,

cara morosa ti farò

sposa

quando che tornerò.

 

Le donne e motori son

traditori,

son fatti per dannar,

cara morosa sarai la

mia sposa

quando che tornerò.

 

E su e giù e per la val

Camonica

la si sente, e la si

sente,

e su e giù e per la val

Camonica

la si sente che cantar.

 


L'ELLERA VERDE Audio
non disponibile

L'ellera verde, che s'attacca e more

avvitucchiata j'urnu manu manu,

paréa vedé la sciarte 'e ju pastore

che guarda ju Gran Sassu da luntanu.

 

        E ci arepensa ancora zittu zittu

        chiagnienno 'ntr'a la 'rotte fittu fittu.

 

Coperta 'e neve e cu 'nu mantu 'e celu

la vecchia cima sta tutta rucosa

spacchemmo ju turchino senza velu

co' n'aquila che gira senza posa.

 

        'Stu cantu allora pare nu suspiru,

        diventa nu signuzzu ogni rispiru.

 

Quann'è l'Avemaria, la ciaramella

resona co 'na voce fiacca fiacca,

e ju Gran Sassu guarda a la Majella,

cchiù se resvejia l'ellera e s'attacca.

 

        'Stu cantu è fattu de malinconia

        e la montagna è tutta 'na malia!

 


NOI DELLA VAL CAMONICA Audio
non disponibile

Noi della Val Camonica

noi suonerem l’armonica

e balleremo un po’

e balleremo un po’.

Ricordi Nineta

quand serum soldà

la luna e le stelle

parlavan d’amor.

O che bel fior, o che bel fior.

O che bel fior, o che bel fior.

Ricordi i baci che ci siam dati

alla stagion dei fior

cara morosa ti farò sposa

quando ritornerò.

Le donne e i fiori sono traditori

son fatte per amar

cara morosa ti farò sposa

quando ritornerò.

E su e giù per la Val Camonica

là si sente, là si sente

e su e giù per la Val Camonica

là si sente cantar.

Noi della Val Camonica

noi suonerem l’armonica

e balleremo un po’

e balleremo un po’.

 


OILÀ, MARUSKA! Audio
non disponibile

Brahmaputra! Himalaia!

cin, ciun, cin-ciun-cian.

Oilà, Maruska, muska mòia!

cin, ciun, cin-ciun-cian.

 

Naki, beki, Naki, beki,

cin, ciun, cin-ciun-cian.

Oh! là, ciun, ciun, cin-ciun-cian!

 


SI SPERA CHE PRESTO FINISSA LA GUERA Audio
non disponibile

Si spera che presto

finissa la guera,

che alora qua in tera

finisse ogni mal.

 

        Evviva l’Union

        e la libertà,

        evviva l’Union

        e la libertà!

 

Si spera che i sassi

deventa paneti

che alora i poareti

se possa saziar.

 

        Evviva l’Union

        e la libertà,

        evviva l’Union

        e la libertà!

 


RIFUGIO ALPINO Audio
non disponibile

Rifugio alpino;

un pò velato dalla nebbia lieve,

che spicchi fra la neve

tu mi ricordi chi non torna più.

 

        Sul cappello, sul cappello che noi portiamo,

        vi è una lunga, vi è una lunga penna nera.

 

Un bacio. - È poi partito.

Mi amava tanto e più non tornerà.

 

        A noi serve, a noi serve da bandiera,

        su pei monti, su pei monti a guerreggiar.

 

Conservo l'edelweis che m'ha donato

ricordo di quel nostro grande amor.

 

        Rifugio alpino;

        là sulla roccia il mio nome è inciso

        lo scrisse un dì un Alpino:

        l'amore mio, caduto per l'onor.

        (canto in lontananza)

 

Sul cappello, sul cappello che noi portiamo,

vi è una lunga, vi è una lunga penna nera.

A noi serve, a noi serve da bandiera,

su pei monti, su pei monti a guerreggiar.

 


O MAMMA MIA Audio
non disponibile

O mamma mia dammi un bacio ancora…

O mamma mia dammi un bacio ancora…

 

Voglio un bacio ancor… poi ti lascerò

ma tu non pianger più che presto tornerò…

 

O mamma mia son soldato alpino,

son soldato alpino su pei monti andrò

ti porterò un bel fior con un bacin d’amor.

 

E la morosa mia l’è là che piange

piange sconsolà nel vedermi andar

per trenta mesi a fare il militar.

 


MARMOLADA Audio
non disponibile

la ch'la Marmolada

col cie' de nei soeng som,

el Pelmo e la Civetta

fesc segn a doet fodom gran sas

 

        D'la Crusc e Putia da luntsc

        vignum coesc soen Piz

        de col d'la Vedla

        i crep da cialts fines.

 

O la che Plan de Corones

i plesc d'istea vignung

ai lo e le nostes ciases

cal post ola che stung.

 


RICHIAMO DELLA 111a COMPAGNIA


del Battaglione Monte Levanna - IV Alpini

Audio
non disponibile

 

Eih! de la ’Al Brembana

Vegne scià chi lo…

“Che sunerem la piva!…

Sì…, balerem un po’… Oh, Oh!…”

 


MARCIA DEI CUSCRIT PIEMUNTEIS Audio
non disponibile

 Fiöi, partuma sentì la fanfare

cun le trumbe ca sunu d'anturn

sensa gnogne 'mbrasè vostra mare

poi an marcia al segnal d'i tambür.

L'an d'invidia le lacrime a i' iöi

i cumpagn cn'a n'a strensu la man,

su marciuma, cantuma bei fiöi!

Rataplan, rataplan, rataplan!

 

        ritornello

 

Difensur d' la nostra téra

gnün nemis an fa tramblè

sentinela a la fruntiera

fiur d'alpin e canuniè;

gün ramì d' la sira spalia

tribulà dal mal cadü

l'è 'l Piemunt che dà a l'Italia

sua pi bela giuventù.

 

Gnün d'Italia desidera guera

nè massacri nè scene d'urur

sun l'emblema d' la nostra bandiera

la speransa, la fede e l'amur.

Ma cul dì ca n' ariva difende

cul bun drit o l'unur d'italian

i l'avruma curagi da vende

Rataplan, rataplan, rataplan!

 

        ritornello

 

Difensur d' la nostra téra

gnün nemis an fa tramblè

sentinela a la fruntiera

fiur d'alpin e canuniè;

gün ramì d' la sira spalia

tribulà dal mal cadü

l'è 'l Piemunt che dà a l'Italia

sua pi bela giuventù.

 


RAGAZZINE, VI PREGO ASCOLTARE Audio
non disponibile

 Ragazzine, vi prego ascoltare

la mia storia con giusta ragion,

io la voglio davver raccontare,

che mi trovo nei grandi dolor.

 

Da quel dì dalla morte crudele

fianco mio l’amor mi rapì

a pensar ch’ero tanto fedele,

trovo pace né notte e né dì.

 

Mi voleva per Pasqua sposarmi

ma il destino non volle così:

non avendo compiuto i vent’anni

che sul Piave innocente morì.

 

Mi ricordo dei cari suoi baci

che mi dava stringendo al mio sen;

mi diceva: “Sei bella, mi piaci,

sulla terra sei nata per me.”

 

Ragazzine che fate l’amore,

capirete quant’è il mio soffrir:

non c’è al mondo più grande dolore

di vedere l’amante a morir.

 

Son rimasta nel mondo smarrita,

senza aver la gioia al sen;

prego Dio che mi tolga la vita

per andare a viver con sé.

 

Così disse con voce tremante,

per tre volte così replicò;

chiuse gli occhi dolenti all’istante

poi in cielo con lui se ne andò.

 


O FIETTE FÈ ’N BASIN… Audio
non disponibile

 Quand pasa la fanfara

droevì finestre e pogieui,

dì na parola cara

a costi bravi fieui,

e lor par ricompensa

’o faran di bei soris

e vos per compiacensa

doi oeji da paradis.

        O fiete fé ’n basin, basin,

        a costi bravi alpin,

        ca fan col brut mesté

        d’rampié, d’rampié, d’rampié.

Se l’han na piuma sola

son fieui d’l’aota val

l’han n’aria ca consola

lor van, lor van, lor van,

lor va per precipissi,

lor van sensa tramblé.

Fan mila sacrifissi,

ma torno mai an daré.

 


TI RICORDI LA SERA DEI BACI Audio
non disponibile

 Ti ricordi la sera dei baci

che mi davi stringendomi al sen;

mi dicevi: sei bella, mi piaci,

sulla terra sei fatta per me.

 

Mi promise ’sta Pasqua sposarmi

ma il destino non volle così;

bell’alpino che avevi vent’anni

nel Trentino sei andato a morir.

 

Ragazzette che fate all’amore

non piangete, non state a soffrir;

non c’è al mondo più grande dolore

che vedere il suo bene morir.


TI RICUARDISTU, OH NININE Audio
non disponibile

 Ti ricuàrdistu, oh ninine, dis-al

quand ch’o jerin sul rivàl?…

        tra là là

        op la le ra

magari ch’ha ’l foss!…

 

Jò ti ai dadis plus bussàdis, dis-al

che no fueis sul cocolar

        tra là là

        op la le ra

magari ch’a ’l foss!


TRENTINELLA Audio
non disponibile

 De là del Brenner gh'è 'na zitadella

che spira di quell'aria che inamora,

e noi che l'abbiam vista così bella

amiamo tanto quella zitadella.

 

        Trentinella, che vuoi far,

        se son de qua del Brenner

        no te poss basar.

 

De là del Brenner gh'é '1 canon che tona

zerto sarà i Taliani che lo sona,

i lo sona cossì a poco a poco

per far nar via i Tedeschi da 'sto loco.

 

        A Trento le campane più no i sona.

        I l'à levade zò i Tedeschi a far canoni,

        ma noi che no sem pu si gran minchioni

        i doprerem per lori, quei canoni.


TRIPOLI BEL SUOL D’AMORE Audio
non disponibile

 Sai dove s’annida più florido il suol

sai dove sorride più magico il sol

sul mar che ci lega coll’Africa d’or

la stella d’Italia ci addita un tesor.

 

        Tripoli bel suol d’amore –

        ti giunga dolce questa mia canzone

        Sventoli il tricolore –

        sulle tue torri al rombo del cannon.

 

Naviga o corazzata –

Benigno è il vento e dolce la stagion

Tripoli terra incantata –

sarà italiana al rombo del cannon.

 

A te marinaio sia l’onde sentier

sia guida Fortuna – per te, bersaglier,

va spera, soldato – Vittoria è colà

hai teco l’Italia – che gridati Va!

 

        Tripoli bel suol d’amore –

        ti giunga dolce questa mia canzone

        sventoli il tricolore –

        sulle tue torri al rombo del cannon.

 

Un bel militare – voleva da me

un sì per qualcosa – sapete cos’è

gli dissi ridendo – tu avrai quel che vuoi,

ma prima, birbante, Va a Tripoli, e poi…

 

        Tripoli bel suol d’amore –

        ti giunga dolce questa mia canzone

        Sventoli il tricolore –

        sulle tue torri al rombo del cannon.

 


TU DIRAS Audio
non disponibile

   

Tu diras un De profundis

co tu sintaras a dì

che jo soi sul cjamp di uere

pa l'Italie a murì.


VA PENSIERO Audio
non disponibile

   

Va pensiero sull’ali

dorate

va ti posa sul clivi, sui

colli

ove olezzano tepide e

molli

l’aure dolci del suolo

natal.

Del Giordano le rive

saluta,

di Sionne le torri

atterrate,

o mia patria, sì bella e

perduta,

o membranza sì cara e

fatal.

Arpa d’or dei fatidici

vati,

perché muta dal salice

pendi?

Le memorie nel petto

riaccendi,

ci favella del tempo

che fu.

O simile di Solima ai

fati,

traggi un suono di

crudo lamento.

O c’ispiri il Signore

un concento

che ne infonda al

patire, virtù…

 


VARDA CHE BELA MACHINA Audio
non disponibile

   

Varda che bela machina

con trentasei vagoni,

drento ghe xe ’l me Toni,

drento ghe xe ’l me Toni…

 

Varda che bela machina

con trentasei vagoni,

drento ghe xe ’l me Toni,

vestio da militar.

 

Vestio da militare

la quarta compagnia,

adio morosa mia…

adio mio bel tesor.

 

Solo te racomando

quell’unico bambino,

tientelo a te vicino…

no starlo abandonar!

 


VEGNIN JÙ I ÇHARNIEI Audio
non disponibile

   

Vegnin jù i Çharniei de Çharnie

vegnin jù i Çharniei de Çharnie

vegnin jù i Çharniei de Çharnie

vegnin jù battint et tac!…

 

Con la pipe ’n te sachete

con la pipe ’n te sachete

con la pipe ’n te sachete

chençhe un fregul di tabàc!…
 

Home Musica Militaria 1-1 1-2 1-3 1-4 1-5 1-6 1-7 1-8 1-9 1-10 1-11 1-12 1-13 1-14